Facendo fuoristrada con il CRF1000 prima versione (2016/17), prima o poi capita: una scivolata od una caduta anche banale, si rialza la ...

Sostituzione supporto pedana con quello in acciaio del CRF 2018

/
0 Comments

Facendo fuoristrada con il CRF1000 prima versione (2016/17), prima o poi capita: una scivolata od una caduta anche banale, si rialza la moto, si salta in sella, e con orrore si sente il piede destro affondare nel vuoto. Il supporto della pedana destra infatti è in alluminio pressofuso, che tende a spaccarsi invece di piegarsi.

Il supporto pedana in alluminio
modello 2016/17, spaccato.
Si tratta di uno dei difetti più evidenti di questa moto, già menzionato nei commenti a caldo di inizio 2016. Immancabilmente ad un certo punto è successo anche a noi: dopo aver trovato una soluzione temporanea per poter continuare il viagio, ci siamo quindi trovati come molti altri di fronte al problema di come effettuare la riparazione definitiva.
Si può infatti saldare il supporto originale o acquistarne uno nuovo (codice Honda: 50615-MJP-G50ZA), ma ci si ritroverà prima o poi con lo stesso problema.

Fortunatamente Honda ha corretto questa "svista" di progettazione nel primo restyling del CRF: nei modelli 2018 il supporto della pedana è stato riprogettato in acciaio. Sorge quindi spontanea la domanda: si può montare il nuovo supporto sui vecchi modelli, per sostituire un supporto rotto o magari addirittura a scopo preventivo?

La risposta è sì! Il supporto nuovo e quello vecchio montano in modo identico sul telaio. Ma - c'è purtroppo un ma - prima di considerare questa sostituzione, tenete presente che nel modello 2018 anche le pedane sono state ridisegnate, e come illustrato qui non è ragionevolmente possibile adattare la vecchia pedana al nuovo supporto.
 
Dettaglio delle fiches ricambi Honda per i modelli 2016/17 (sx) e 2018 (dx)
Nell'immagine qui sopra sono mostrati gli schemi Honda per i due modelli. Facendo riferimento a quello 2018 (a destra), occorrerà quindi ordinare queste parti:
  • 6: supporto pedana dx in acciaio, # 50615-MKK-D00ZB
  • 8: pedana dx, # 50617-MKK-D00
  • 7: molla di ritorno pedana, # 50617-KZ4-J40
  • 3: perno, # 50603-KL4-000
Notare che il perno e la molla vecchi non possono essere riutilizzati, sono di dimensioni diverse.

Acqustare questi quattro pezzi in Europa è un salasso. I prezzi sono però decisamente più umani negli USA: noi li abbiamo acquistati da Babbit's Online, al prezzo totale di circa 190$ incluse spese di spedizione. A questo si aggiungono circa 50 euro di spese doganali e tasse di importazione da pagare alla consegna, portando il totale a circa 220 euro. I pezzi sono arrivati in un paio di settimane.

Il nuovo supporto pesa qualche etto in più del vecchio, ma non si tratta comunque una differenza importante.

Sulla bilancia: vecchio supporto in alluminio
...e nuovo supporto in acciaio

Montaggio

Per la sostituzione del supporto, occorrerebbe in teoria smontare i collettori. In realtà è possibile evitarlo, avendo l'accortezza di togliere il bullone che fissa il terminale di scarico; in questo modo è possibile muovere leggermente i collettori per riuscire a raggiungere con la brugola il bullone in basso a destra, e per guadagnare un po' di spazio per sfilare ed infilare il supporto. Con questo trucco l'operazione è alla portata di tutti e non richiede attrezzatura particolare.

Facendo riferimento alla figura qui sopra, procedere in questo modo:

  • smontare la pedana (1);
  • smontare la leva del freno (2);
  • staccare molla di ritorno del braccetto del freno (3);
  • staccare la pompa del freno dal braccetto (4): per questo occorre togliere la coppiglia (5) che sta sul retro e sfilare il pernetto (6);
  • staccare il gancio del comando interruttore luce freno (7) dall'altro lato del braccetto;
  • svitare i due bulloni (8) che fissano il supporto al telaio. Per quello in basso occorre tirare un po' il collettore verso l'alto, dopo aver tolto il bullone che fissa il terminale di scarico, senza sforzarlo troppo;
  • sfilare il braccetto della leva freno (4) dal supporto (9) facendo attenzione a non perdere le due guarnizioni (10) ed al loro verso di inserimento;
  • estrarre il supporto (9) facendolo ruotare intorno al collettore.
Per il rimonaggio del nuovo supporto procedere in ordine inverso. Ingrassare il perno della leva del freno prima di infilarlo nella sede con le sue guarnizioni.

Considerazioni varie

È evidente innanzi tutto che a fine lavoro ci si trova con due pedane diverse. Per noi questo non è un problema perché avevamo allargato le pedane originali artigianalmente: possiamo fare lo stesso lavoro sulla nuova pedana, in modo che entrambe abbiano lo stesso profilo esterno.

Come già detto adattare la vecchia pedana al nuovo supporto è complicato; forse sarebbe leggermente più semplice adattare la nuova pedana sinistra al vecchio supporto, ma si tratta comunque di tagliare la parte con gli occhielli, saldare una piastra di battuta e due alette con gli occhielli nuovi; un lavoro che richiede una certa competenza.

Per chi avesse invece montato delle pedane aftermarket è una bella scocciatura, dato che non c'è modo di adattarle al nuovo supporto. L'unica soluzione sarebbe acquistare le pedane dello stesso costruttore per la versione 2018, o provare a richiedere solo quella destra come ricambio. Non è una soluzione ideale dato il costo, e comunque finora sono poche le aziende che hanno aggiornato le loro pedane aftermarket alla versione 2018. Al momento ci risulta lo abbia fatto solo solo Pivot Pegz, anche se sicuramente altri seguiranno.

Se nessuna di queste soluzioni per la pedana vi soddisfa, forse è meglio mantenere il supporto originale (eventualmente quello rotto dopo averlo saldato) e installare la staffa di rinforzo Camel Brace (descritta qui).

Buon lavoro!





Nessun commento:

© africatime.bike 2016. Powered by Blogger.